CENTRO ECCELLENZA QUALITA'

Ricerca applicata - Trasferimento tecnologico - Prove e tarature - Formazione

Requisiti normativi

La norma ISO 9001:2015, al paragrafo 7.1.5 (Risorse per i montoraggio e la misurazione) richiede che l'organizzazione che applica la norma determini e metta a disposizione le risorse necessarei per ottenere risultati validi e affidabili, e che tali risorse: 

  • siano adatte allo specifico tipo di attività di monitoraggio e misurazione
  • siano manutenute al fine di assicurare la loro continua idoneità allo scopo.

nonché di conservare appropriate informazioni documentate (registrazioni) quale evidenza dell'idoneità allo scopo delle risorse stesse.

Inoltre, il successivo sottoparagrafo 7.1.5.1 (riferibilità delle misurazioni) prescive che quando le misurazioni sono utilizzate per "fornire fiducia circa la validità dei risultati", le relative apparecchiature devono:

  • essere tarate e/o verificate a intervalli pianificati o prima del loro uso, a fronte di campioni di misura riferibili a campioni di riferimento nazionali o internazionali
  • essere identificate perché sia possibile determinarne lo stato (idonee, non idonee)
  • salvaguardate da regolazioni, danni o deterioramenti (es. manomissioni) che potrebbero pregiudicarne la taratura e quindi l'idoneità all'uso cui sono destinate.

Il requisito di idoneità all'uso delle apparecchiature di misurazione comporta che queste debbano avere incertezza sufficientemente ridotta rispetto al campo di tolleranza ammesso (indicativamente almeno non superiore a 1/5 o 1/4, in casi particolari si può accettare anche 1/3).

Per poter determinare tale incertezza ed effettuare misurazioni ripetibili e riproducibili è allora necessario che le apparecchiature siano soggette a taratura con riferibilità a campioni nazionali o internazionali riconosciuti e tenute sotto controllo in modo pianificato in base al rischio connesso alla decisione da assumere.

Gli strumenti in uso in azienda per la valutazione della conformità (es. controlli in accettazione, monitoraggio dei processi, controlli intermedi, controlli finali, ecc.) devono allora essere gestiti in modo adeguato, a partire da una serie di "campioni di prima linea" tarati all'esterno secondo una catena metrologica definita e documentata, che parta da campioni certificati, fino alla determinazione della incertezza di misura associata allo strumento.

Tali strumenti "primari" aziendali possono essere usati per tarare strumenti "di seconda linea" in uso in azienda, ovviamente a patto che si abbiano le condizioni necessarie per tali tarature, come condizioni ambientali, strumentazione di confronto, personale qualificato e procedure definite per la taratura e la stima dell'incertezza.

Il CEQ può fornire aiuto su più fronti:

a. taratura di campioni aziendali secondo catene metrologiche definite e di incertezza nota che hanno origine da campioni certificati (taratura con riferibilità), sia con capacità proprie che ricorrendo a laboratori esterni convenzionati

b. supporto nella definizione di procedure di taratura interna di campioni di 2a linea

c. supporto nella definizione delle incertezze di taratura/misura quando si usano campioni primari o secondari

d. auditing a sistemi di gestione della strumentazione

Login/Logout

Agenda CEQ

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31